Quali sono i teatri di guerra dell’imprenditore e i 2 più importanti strumenti di equilibrio personale e professionale

L’equilibrio tra vita professionale e vita privata è l’equazione della felicità per un imprenditore

Esiste un’equazione della felicità che se applicata alla vita rende felice l’imprenditore, il professionista o l’aspirante tale?

Esiste eccome ed è proprio quello di cui ti parlerò all’interno di questa guida, quindi continua a leggere fino alla fine.

Come sai se mi conosci, oggi sono il Presidente del Gruppo Arroweld Italia, un’azienda da 110 milioni di euro di fatturato, sono attivo su ambiti e settori diversi e lavoro in 7 uffici diversi, su 7 scrivanie diverse.

Sono in tanti a chiedermi: “Mirco, ma come fai a mettere sempre tutti i pezzi insieme e a non essere mai sbilanciato?

In questa guida risponderò a questa domanda, parlandoti dei 2 fondamentali strumenti di equilibrio (uno per la vita personale e l’altro per la vita professionale) che devi applicare fin da subito alla tua vita per essere sempre in perfetto equilibrio.

Tutto quello che leggerai all’interno di questa guida non me l’ha insegnato nessuno, ma l’ho imparato e sperimentato direttamente sulla mia pelle in 38 anni di carriera.

Lo ammetto: dai 20 ai 40 anni sono stato un workaholic, ovvero un alcolizzato di lavoro.

Vivevo in azienda e per l’azienda, il lavoro era diventato la mia religione, ho trascurato gli affetti e anche la mia salute fisica.

Ero una persona e un imprenditore privo di equilibrio.  

Se la vita è una medaglia a due facce -una privata e l’altra professionale-, io ero completamente sbilanciato verso la seconda.

Ho imparato a mie spese, in età adulta, a fronte di numerose rinunce e dopo un lunghissimo percorso, come trovare l’equilibrio che mi era sempre mancato.

Ecco perché ora, dopo 38 anni di carriera, ho gli strumenti giusti (che sono pronto a consegnarti) per “mettere sempre insieme tutti i pezzi e non essere mai sbilanciato“.

Questo è un argomento che mi sta molto a cuore, tant’è che con gli imprenditori che fanno parte della mia Academy e del mio esclusivo percorso di mentorship privata, dedico intere ore alla questione del work balance life.

È necessario, perché prima del fatturato, dell’Ebitda, della produttività, dei numeri, dell’ottimizzazione fiscale, viene l’equilibrio tra vita personale e vita professionale.

Conosco troppi imprenditori cosiddetti “di successo” che all’apparenza sembrano le persone più invidiabili e felici del mondo.

Basta però avvicinarsi un attimo e conoscerli meglio per rendersi conto che non è tutto oro quello che luccica.

Sulla carta sono imprenditori di successo, perché hanno aziende in salute, fiscalmente ottimizzate, ebitda stellari e proiezioni di crescita importanti.

Peccato però che non siano affatto uomini e donne di successo!

Lavorano troppo, sono stressati a mille, trascurano la famiglia, il divertimento, gli affetti e hanno una vita privata sterile.

Ti chiederai “in nome di cosa”… beh, la risposta è in nome di niente.

Non serve a nulla avere una vita professionale sfolgorante se in tutti gli altri ambiti sei deficitario.

La persona di successo dev’essere tale in tutti gli ambiti importanti della vita, quindi certamente nella professione, ma anche in famiglia, con gli amici, con il proprio partner, nei propri hobby, nella salute fisica, negli interessi, nella cultura e via dicendo.

Troppe volte nella stessa persona convivono un imprenditore di successo e una persona perdente.

Tu che stai leggendo questa guida e che hai già preso consapevolezza dell’importanza del work balance life, NON FARE QUESTO ERRORE!

Sii equilibrato, coltiva tutti i settori della tua vita contemporaneamente, altrimenti finirai per risultare vincente negli affari, ma perdente in tutto il resto.

Lo strumento di equilibrio personale che mi ha salvato quando ero un workaholic

Come ti ho detto poco fa, per ben vent’anni della mia vita sono stato un workaholic, un alcolizzato di lavoro.

Mi ci sono voluti anni, parecchie perdite e rinunce e un lungo percorso di consapevolezza per liberarmi da quella che gli psicologi di tutto il mondo considerano una dipendenza a tutti gli effetti.

Ovvero la dipendenza compulsiva dal lavoro e lo sbilanciamento eccessivo della mia vita verso la componente professionale. 

Oggi, alla base della mia vita e dell’equilibrio che molti mi invidiano c’è uno strumento fondamentale che ho deciso di condividere con te all’interno di questa guida.

Ti assicuro che quando lo interiorizzerai, la tua vita cambierà senza che quasi tu te ne renda conto.

Si tratta di un singolo strumento diviso in 3 componenti fondamentali.

👉 COMPONENTE #1: RUOLI PRIVATI E PERSONALI DELLA TUA VITA

Il primo asse di questo strumento di equilibrio personale è la definizione dei tuoi ruoli privati e personali.

La maggior parte degli imprenditori, professionisti e aspiranti tali ha troppi ruoli nella vita e in molti non hanno neanche idea di quali siano esattamente questi ruoli.

Qual è dunque il numero massimo di ruoli che una persona può ricoprire nella sua vita?

Un numero esatto non esiste, anche se i più importanti esperti di leadership americani parlano di un numero che oscilla tra i 7 e i 10 tra ruoli pubblici e privati.  

Io, per esempio, tra vita pubblica e vita privata ho individuato 10 ruoli che coltivo ogni giorno:

✔ Presidente del Gruppo Arroweld Italia

✔ Fondatore di Imprenditore Vero

✔ Fondatore della Onlus Mariana

✔ Gestore dei miei immobili

✔ Supporto nella gestione della Tenuta del Lauro della mia compagna

✔ Membro dell’Associazione San Giuseppe Imprenditore con cui aiuto imprenditori in crisi

✔ Figlio

✔ Fratello

✔ Compagno

✔ Me stesso

Il mio consiglio per te adesso è questo: concentrati sull’asse dei ruoli ed entra nell’1% di persone che non vive a random, ma sa esattamente cosa vuole realizzare dalla vita.

Prendi carta e penna e fai l’elenco completo dei ruoli pubblici e privati della tua vita, seguendo l’esempio dell’elenco dei miei ruoli che ti ho messo sopra.

👉 COMPONENTE #2: STABILISCI 3 OBIETTIVI PER OGNI RUOLO

Il secondo step da seguire per far performare al meglio questo strumento di felicità e produttività è il seguente:

dopo che avrai definito tutti i ruoli pubblici e privati della tua vita (ricorda, il mio consiglio è di non andare oltre i 10 ruoli complessivi), stabilisci 3 obiettivi per ciascuno di questi ruoli.

Se riuscirai a dedicare il 70% della tua esistenza a realizzare questi obiettivi, avrai fatto bingo!

Perché finalmente avrai una mappa chiara da seguire ed eliminerai quell’orrenda sensazione di frustrazione che ti assale tutte le volte che lavori 12 ore al giorno, ma ti sembra sempre di aver concluso poco o nulla.

👉 COMPONENTE #3: ATTIVITÀ OPERATIVE

Il terzo e ultimo asse di questo strumento di work balance life è quello delle attività operative.

Ovvero: stabilisci per ogni ruolo e per ogni obiettivo le attività operative da mettere in campo per andare dal punto in cui sei ora al punto in cui vuoi arrivare.

Dopodiché inserisci nel tuo calendario tutte le attività operative che hai individuato e segui questi 6 mantra:

✔ calendarizza e programma per tempo le tue attività operative

✔ stabilisci se sarai tu a occupartene o se delegherai quell’attività

✔ in caso di delega, monitora ogni singolo passaggio dell’attività operativa

✔ quando inserirai un’attività operativa nel tuo calendario, ti renderai subito conto se esiste un’incongruenza tra tempo a disposizione e necessità di realizzarla 

✔ Il calendario dove le inserirai deve avere due grandi fasce di orario: vita professionale e vita privata

✔ questa programmazione deve occupa al massimo il 70% del tempo giornaliero

I teatri di guerra dell’imprenditore

Dopo 38 anni di carriera imprenditoriale, ancora oggi mi stupisco per il tasso di INFELICITÀ e FRUSTRAZIONE che affligge gli imprenditori italiani.

Alcuni sono grandi imprenditori sul lavoro, ma nella vita privata fanno acqua da tutte le parti.

Altri, invece, coltivano eccessivamente la sfera privata e si disinteressano della sfera professionale.

Nessuna di queste due situazioni definisce una persona di successo.

La persona di successo è quella che, anche con un ebitda più basso e un patrimonio più basso, è riuscita a realizzare il work balance life, cioè il perfetto equilibrio tra vita privata e vita professionale.

Dopo aver visto il primo lato della medaglia, ora permettimi di concludere questa guida con un portentoso strumento di equilibrio professionale.

È uno strumento targato Mirco Gasparotto e che io chiamo TEATRI DI GUERRA.

Cos’è un teatro di guerra?

L’imprenditore, sia nella vita pubblica sia nella vita privata, è un combattente, un guerriero che ogni giorno combatte per la sua azienda.

Il teatro di guerra è dunque l’insieme delle situazioni in cui, in qualità di imprenditore, professionista o aspirante tale, sei impegnato professionalmente.

In base alla struttura della tua azienda, il tuo teatro di guerra potrà riguardare:

✔ parte commerciale

✔ produzione

✔ team vendita

✔ tutte le aziende del tuo gruppo

✔ partecipazione societarie in altre aziende

✔ cariche in altre aziende

I teatri di guerra si dividono in:

  1. teatri di guerra caldi, ovvero quelli che riguardano problemi imminenti che richiedono tutta la tua attenzione 
  2. teatri di guerra stabili, ovvero quelle situazioni professionali in cui non ci sono problemi imminenti, ma che devono essere monitorate e tenute sotto controllo
  3. teatri di guerra dove si genera valore, ovvero quelle situazioni professionali da cui puoi estrarre valore per te e per la tua azienda

Da ora in poi, inserisci i TEATRI DI GUERRA nella tua routine.

Per ogni punto (teatri di guerra caldi, stabili e dove si genera valore), elenca tutti i teatri di guerra che ti vengono in mente.

In questo modo saprai esattamente dove concentrare il tuo focus, la tua energia mentale e la tua attenzione.

Avrai la mappa chiara che ti permetterà di sederti in cabina di regia e tenere sotto controllo ogni sfumatura della tua vita professionale.  

L’aumento della tua produttività e dei tuoi risultati è assicurato… provare per credere!

Sei pronto a fare il passo successivo verso i risultati straordinari che desideri?

La guida che hai appena letto è un’introduzione al mondo di Imprenditore Vero.

Si tratta del progetto targato Mirco Gasparotto che ha l’obiettivo di contribuire alla crescita di almeno 10.000 imprenditori, professionisti e aspiranti tali

Nei miei 38 anni di carriera ho accumulato un bagaglio di esperienze, conoscenze, errori, successi, cicatrici e insegnamenti, immenso.

Questo bagaglio è ora a disposizione di imprenditori, professionisti e aspiranti tali che hanno voglia di crescere e di raggiungere risultati fuori dalla norma che altri non osano neanche immaginare.

Vuoi scoprire come accedere a questo immenso bagaglio, applicarlo alla tua attività ed essere accompagnato passo passo verso i tuoi obiettivi da un imprenditore che le cose nella sua vita le ha fatte davvero?

Ho messo a tua disposizione una consulenza di orientamento con un membro ufficiale di Imprenditore Vero per mostrarti cosa significa avere Mirco Gasparotto come mentore.

Clicca il pulsante qui sotto e prenota la tua consulenza di orientamento… è gratuita, ma ti lascerà un valore immenso!

PRENOTA ORA UNA CONSULENZA GRATUITA

Cerchi la soluzione a una problematica specifica che affligge la tua azienda?
O vuoi capire meglio cosa c’è per te nel mondo di Imprenditore Vero?

Un membro fidato del mio team ti aspetta per una consulenza di analisi gratuita in cui insieme capirete come puoi raggiungere gli obiettivi imprenditoriali e personali che hai sempre sognato.

le 6 facce del cubo dell’imprenditore
IMPRENDITORE MASTER

09 – 10 Aprile 2022

Sei un imprenditore, un professionista o un aspirante tale?

Allora segna sul calendario questa data: martedì 15 marzo 2022, ore 21:00 in punto perchè ti presenterò IMPRENDITORE MASTER.

L’unico evento di 2 giorni, che unisce il mondo della formazione personale a quello dell’esperienza delle grandi multinazionali grazie allo sviluppo delle 6 aree strategiche dell’imprenditore e alla partecipazione di ospiti di rilievo nazionale e internazionale.

MIRCOGASPAROTTO

Parto come semplice fattorino e dopo quasi 40 anni di carriera, sono il Presidente del Gruppo Arroweld Italia che nel 2020 ha toccato il record di fatturato aziendale: 102 milioni di euro.

La mia missione è mettere a disposizione il bagaglio di esperienze, errori e conoscenze costruito in 38 anni di carriera, per aiutare di imprenditori, professionisti e aspiranti tali a migliorare la loro vita professionale e personale.

© Mirco Gasparotto – All rights reserved 2021
IMPRENDITORE VERO S.R.L. – IT03866130127 – Via Cavour 15 Gallarate 21013, Varese